Liberiamo l'aria - Comune di Bentivoglio (BO)

archivio notizie - Comune di Bentivoglio (BO)

Liberiamo l'aria

 

L’Emilia-Romagna intensifica e rafforza interventi e progetti contro smog e inquinanti.

Sono state approvate dalla Giunta Regionale le nuove misure che prevedono che dal 1° marzo si aggiunge in tutti i Comuni della pianura dell’Emilia-Romagna sotto i 30.000 abitanti, e quindi anche Bentivoglio, il blocco alla circolazione per i veicoli privati euro 0 ed euro 1 nei centri abitati dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30.

Tutto questo anche per ottemperare, il più in fretta possibile, a quanto previsto dalla condanna all’Italia della Corte di Giustizia europea del novembre 2020 circa la qualità dell’aria nel nostro Paese, per ciò che riguarda il Bacino padano. Proprio su questo punto la Regione Emilia-Romagna, insieme a Piemonte, Lombardia e Veneto, ha presentato al Governo, nell’ambito del piano di ricostruzione nazionale attraverso i fondi europei del Next Generation Eu, una serie di progetti strutturali per complessivi 2 miliardi di euro.

Interventi necessari perché, nonostante il lockdown della primavera 2020, anche a causa di condizioni meteorologiche particolarmente critiche e sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti, si sono registrati sforamenti delle soglie superiori agli obiettivi previsti dalle norme praticamente in tutto il territorio.

Le misure straordinarie

MOBILITA’ - A partire da lunedì 1° marzo e fino al 30 aprile in tutti i Comuni della pianura dell’Emilia-Romagna sotto i 30.000 abitanti, non potranno circolare i veicoli privati euro 0 ed euro 1 nei centri abitati dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30. Sono esentati dai limiti i possessori di un solo veicolo - regolarmente immatricolato e assicurato - per nucleo familiare, con Isee inferiore a 19mila euro, muniti di autocertificazione.

Per verificare il rispetto delle misure di limitazione della circolazione, verranno rafforzati i controlli, che saranno 300 l’anno per i Comuni con popolazione maggiore a 20mila abitanti e fino a 30mila, 200 per i Comuni tra i 5mila e i 20mila e 100 per i Comuni sotto i 5mila abitanti.

Per i 33 Comuni firmatari del PAIR (Comuni con più di 30.000 abitanti e Comuni dell'agglomerato urbano bolognese), proseguono invece le misure già avviate: blocco dei veicoli privati Benzina Euro 2  e Gpl e Metano Euro 1  (attivo dall’11 gennaio), blocco dei veicoli privati diesel Euro 3 e raddoppio, fino a quattro al mese, delle domeniche ecologiche (attivo dal 24 gennaio) con blocco della circolazione anche per i veicoli diesel Euro 4.

RISCALDAMENTO - Per quanto riguarda il riscaldamento, è vietato da subito utilizzare nei comuni sotto i 300 metri (e quindi anche a Bentivoglio), nel periodo 1° ottobre - 30 aprile generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa ad alto impatto emissivo sotto la certificazione a 3 stelle. In caso di misure emergenziali scatta, per tutti i comuni di pianura, il divieto di utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa ad alto impatto emissivo sotto la certificazione a 4 stelle e l’obbligo di ridurre la temperatura di almeno 1 grado fino a massimo 19°C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali e fino a massimo 17°C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali. La misura non si applica a ospedali e case di cura, scuole e luoghi che ospitano attività sportive.

ABBRUCIAMENTI –

La Regione, con delibera di Giunta n. 33 del 13/1/2021insieme ad altre misure straordinarie per la qualità dell’aria, ha stabilito il divieto di abbruciamento dei residui vegetali nel periodo 1° ottobre - 30 aprile nelle zone individuate dal PAIR2020, Piano Aria Integrato Regionale, come Pianura est (IT0893), Pianura ovest (IT0892) e agglomerato di Bologna (IT0890), ai sensi dell’art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152.

Sono fatte salve le deroghe in caso di prescrizioni obbligatorie emesse dall’Autorità fitosanitaria.

AGRICOLTURA e ALLEVAMENTI – In tutti i comuni di pianura, in caso di attivazione delle misure emergenziali, è vietato lo spandimento dei liquami zootecnici senza interramento immediato o iniezione diretta al suolo. Sono fatte salve le deroghe per sopraggiunto limite di stoccaggio, verificato dall’autorità competente al controllo.

Misure antismog e misure emergenziali fino al 30 aprile 2021: infografiche Regione Emilia Romagna

Infografica misure strutturali 2021

Verifica i provvedimenti in vigore nell´Ordinanza del Comune Pair di interesse

Infografica misure antismog Comuni non Pair

Elenco dei comuni di agglomerato di Bologna, pianure est e pianura ovest (pdf scaricabile)

Infografica misure emergenziali febbraio 2021

Per sapere se e dove è in atto l'allerta smog vai al Bollettino Liberiamolaria (il Bollettino viene aggiornato ogni lunedì, mercoledì e venerdì dopo le ore 11).

Abbruciamento residui vegetali

Infografica abbruciamenti

Elenco dei comuni di agglomerato di Bologna, pianure est e pianura ovest (pdf scaricabile)

Uso di biomasse legnose per il riscaldamento domestico

Infografica impianti a biomasse gennaio 2021

Elenco dei Comuni nei quali si applicano le regole relative all´utilizzo di legna e pellet ad uso domestico (pdf)

Per approfondimenti su regole per l'utilizzo degli impianti a biomassa clicca qui

 

Com'è l'aria oggi (link al sito doi ARPAE)

Posso circolare? Link al portale dell'automobilista per verificare la calssa di appartenenza del veicolo)

 

L'ordinanza sindacale n. 6 del 1/03/2021 prevede:

  • nel periodo 01/03/2021 – 30/04/2021, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, il divieto di circolazione dinamica nell’area del centro abitato di Bentivoglio, dei veicoli privati euro 0 ed euro 1 (veicoli alimentati a benzina EURO 0 e EURO 1, veicoli alimentati a GPL/benzina o metano/benzina 0 e EURO 1, veicoli diesel EURO 0 ed EURO 1, ciclomotori e motocicli EURO 0 e EURO 1). Sono escluse dalle limitazioni le strade che costituiscono vie di accesso alle strutture di ricovero e cura;
  • sino al 30/04/2021, in tutto il territorio comunale di Bentivoglio:
    • il divieto di utilizzare, nelle unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8), generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “3 stelle” e focolari aperti o che possono funzionare aperti;
    • il divieto di installare generatori biomassa legnosa con classe di prestazione emissiva inferiore alla classe “4 stelle”;
    • l’obbligo di utilizzare, nei generatori di calore a pellet di potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, pellet che sia certificato conforme alla classe A1.
    • il divieto di abbruciamento dei residui vegetali nel periodo 1° ottobre - 30 aprile;

Inoltre l'ordinanza prevede ulteriori misure strutturali (si applicano sempre) per tutto l’anno:

  • il divieto di installazione e di utilizzo di impianti per la climatizzazione invernale e/o estiva in spazi di pertinenza dell’organismo edilizio (quali, ad esempio, cantine, vani scale, box, garage e depositi), in spazi di circolazione e collegamento comuni a più unità immobiliari (quali, ad esempio, androni, scale, rampe); 
  • l’obbligo di chiusura delle porte di accesso al pubblico da parte di esercizi commerciali e degli edifici con accesso al pubblico per evitare dispersioni termiche sia nel periodo invernale che in quello estivo. 

Qualora il bollettino emesso da Arpae nei giorni di controllo (individuati nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì), indichi con un bollino rosso devono essere attivate le seguenti misure emergenziali: 

  • vietato utilizzare, nelle unità immobiliari comunque classificate (da E1 a E8), generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “4 stelle”;
  • la temperatura negli ambienti di vita riscaldati non deve superare i seguenti valori massimi:
    • 19°C (+ 2°C di tolleranza) negli edifici adibiti a residenza ed assimilabili (E1), a uffici ed assimilabili (E2), ad attività ricreative e di culto ed assimilabili (E4), ad attività commerciali ed assimilabili (E5), ad attività sportive (E6);
    • 17°C (+ 2°C di tolleranza) nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali ed assimilabili (E8).Sono esclusi dalle limitazioni di cui al precedente comma ospedali, cliniche e case di cura ed assimilabili (E3), edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli ed assimilabili (E7)
  •  è disposto il divieto di spandimento dei liquami zootecnici. Sono escluse dal presente divieto le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo. Sono fatte salve le deroghe per sopraggiunto limite di stoccaggio, verificato dall’autorità competente al controllo;

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (35 valutazioni)