Autorizzazione accensione fuochi - Comune di Bentivoglio (BO)

Uffici | I Settore - Affari Interni e Istituzionali | Ufficio Relazioni con il Pubblico | Autorizzazione accensione fuochi - Comune di Bentivoglio (BO)

AUTORIZZAZIONE ACCENSIONE FUOCHI

Descrizione:
E' possibile bruciare il materiale proveniente da sfalci e residui di coltivazioni raccolto in cumuli di modeste dimensioni, dopo aver comunicato tramite modulo WEB, al link sottostante.

La procedura può essere fatta in:

  • autonoma sul sito dedicato,
  • Comune allo sportello U.R.P.,
  • telefonicamente chiamando l'ufficio U.R.P. per compilare insieme all'operatore il modulo WEB.

Per tale operazione è necessario avere con sé il cellulare. 
Si ricorda inoltre che l’abbruciamento deve terminare entro 48 ore dalla comunicazione via WEB.
Possono utilizzare questo canale sia: PRIVATO CITTADINO, AZIENDA AGRICOLA, SCOUT, SOGGETTO PUBBLICO o ISTITUZIONE.

La comunicazione verrà automaticamente trasmessa ai Vigili del Fuoco, al Comune e ai Carabinieri Forestali per eventuali controlli.

Link per la compilazione del modulo -> https://segnalazioneabbruciamenti.regione.emilia-romagna.it/form-fire

Le operazioni debbono avvenire a una distanza di almeno 150 metri da case o edifici, strade pubbliche e da qualsiasi deposito di materiale infiammabile e/o combustibile. Il fuoco deve essere sorvegliato costantemente dal conduttore del fondo, o da un familiare e/o collaboratore. Inoltre, devono essere prese le cautele necessarie affinchè il fumo non arrechi pericolo alla circolazione stradale o alla cittadinanza. Il fuoco andrà acceso nelle giornate di cielo sereno e con ventilazione sufficiente a disperdere i fumi nell'atmosfera. Nel caso in cui si dovesse produrre fumo in quantità eccessive o ristagno dello stesso a livello del suolo è obbligatorio lo spegnimento.

I tempi e le modalità potrebbero subire modifiche a seguito di circolari o regolamenti specifici della Regione. Si consiglia di contattare preventivamnete l'U.R.P.

Tempi di risposta:

Immediata.

Estratto dal regolamento di Polizia Urbana e Rurale:

Articolo 20 - Accensioni di fuochi

1. È vietato bruciare materiali o accendere fuochi in centro abitato e in luoghi abitati, nonché nelle vicinanze o in prossimità delle sedi stradali.

2. È altresì vietato in tutto il territorio comunale appiccare fuoco libero a sterpaglie, siepi, erba degli argini di fossi, scarpate nonché a materiali di varia natura presenti nei cantieri edili; paglia ed altri residui legnosi e scarti vegetali prodotti da lavorazioni agricole, nonché nell’ambito della ripulitura di prati e giardini.

3. È inoltre vietata la combustione di: pneumatici, materie plastiche e/o derivati, espansi ecc..;  combustibili liquidi quali benzina, kerosene, gasolio e simili, dei quali è tassativamente vietato l’uso anche per l’alimentazione e l’accensione di fuochi.

4. L’uso privato di bracieri e griglie è consentito solo in giardini e cortili privati o in aree pubbliche debitamente autorizzate , adottando in ogni caso tutte le cautele al fine di evitare disturbo alle proprietà confinanti.

5. Fermo restando il divieto di cui ai commi precedenti, è consentito ricorrere, previa autorizzazione richiesta e rilasciata dall’Amministrazione comunale, all’autosmaltimento mediante combustione all’aperto, unicamente in zone agricole rurali, per l'eliminazione di soli scarti legnosi o erbacei, quali: tralci e ramaglie, residuati dalle pratiche agronomiche della potatura e dell’estirpazione di frutteti o vigneti, sfalcio delle arginature e dei fossi.

6. I fuochi consentiti ai sensi del precedente comma 5 devono osservare le seguenti prescrizioni:
a) essere ad una distanza minima di almeno 150 metri dalle abitazioni ed edifici, dalle strade pubbliche e da qualsiasi deposito di materiale infiammabile e/o combustibile;
b) di accenderli nelle giornate di cielo sereno e con ventilazione sufficiente a disperdere i fumi nell’atmosfera;
c) i fuochi accesi devono essere assiduamente sorvegliati con la costante presenza del conduttore del fondo agricolo o suo famigliare e collaboratore;
d) che il fumo non arrechi pericolo e/o disagio alla circolazione stradale e/o alla cittadinanza;
e) se per qualsiasi causa, anche naturale, il fuoco acceso dovesse produrre fumo in quantità eccessiva o ristagno dello stesso a livello del suolo, è fatto obbligo di spegnerlo.

A chi rivolgersi:
Ufficio Relazioni con il Pubblico 

Ulteriori informazioni:

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (33584 valutazioni)